Quarta ora

Le ombre, le assenze vanno dove
andiamo, silenzio di apparenze
inventiamo ore del tempo
il ciclo di luce succede al buio
sconfina il vento nelle stagioni
sconfigge ostacoli sposta nubi
appare e scompare il limite
al monte degli dei, nostra
angoscia e desiderio.
                                                                                                    foto anna maria ercilli
                                                                                            

Commenti

moni ha detto…
...leggerti ha sempre un significanto intrinseco e melodioso..

un forte abbraccio amica cara...

m.
anna maer ha detto…
Ciao M. un poco le parole aiutano a stare assieme, un abbraccio

Post popolari in questo blog

Tabucchi e gli eteronimi