Alluvione Veneto


Leggo il reportage: una persona ha perso proprio tutto – deve smaltire a sue spese,500 quintali di polli morti. Si chiede dove andrà a mangiare da qui a maggio, con la sua famiglia.

Dopo il disastro, c’è chi non chiude più occhio e ha perso peso per la disperazione.

Tante storie umane, leggo, sembra di stare con loro.

foto dal web

Commenti

Blue ha detto…
Come te mi son sentita coinvolta empaticamente da queste storie...mi sono pensata nella loro sorte e ciò che ho sentito è stato un freddo dolorissimo nel cuore...con un senso così grande di impotenza da far male.

un caro abbraccio
dopoilmattino@blogspot.com ha detto…
colpiti per l'incuria, disorienta tutta quest'acqua...nienete sappiamo di chi tace.

un abbraccio

ann ma
dopoilmattino@blogspot.com ha detto…
= niente

le lettere sembrano formiche in miniatura

ann

Post popolari in questo blog

Tabucchi e gli eteronimi

Luce dorata

Gli occhi di Frida