Presidente Barack Obama



Abbiamo aspettato tanto un segno del destino.

Invece è un segno della cultura e dell'intelligenza.

Un uomo giovane che proverà a correggere certe storture e, avvicinare la politica a uomini e donne.

Vogliamo vivere in pace.

Commenti

Ben ha detto…
Ha dato voce alla speranza, con la sua voglia di cambiare le cose in qualcosa che ritiene esser giusto, andando al di là dei colori politici. Forse perchè le differenze dei colori le ha sperimentate in prima persona.
Come commentavo stamani sul Rifugio, credo che ci renderemo conto della portata storica di queste elezioni solo fra qualche anno, quando i ragazzi delle future generazioni ne leggeranno sui libri di storia.
annam aria er ha detto…
Certro la speranza del cambiamento, è arrivata sino a noi, con tutti i nostri vecchi rancorosi che, non passano...
Una speranza per le giovani generazioni e un'emozione oggi.
ciao
Paola ha detto…
Vogliamo vivere in pace, ma anche che arriviamo a fine mese visto che ci ammazziamo di lavoro!
anna maer ha detto…
hai ragione Paola, senza il guadagno, il lavoro è svilito assieme alla vita e alla dignità.
Vivere in pace, significa anche distribuire il benessere.
Anonimo ha detto…
ciao AnnaMaria,
vedo che alla fine l'hai aperto il blog,
bene bene,
ci vediamo domenica,

Andrea G.
anna maer ha detto…
a presto Andrea, grazie

ciao
Anonimo ha detto…
Vorremmo vivere in pace.....ma
non credo che sia possibile.
Nella storia dell'uomo questo stato ideale non si è mai verificato. Si può forse sperare che il grado di agressività venga tenuto sotto controllo ma niente di più :-))
http://specchio.ilcannocchiale.it
giosby ha detto…
Barack?

Temo che sarà un'ennesima delusione ...

Solo per fare un esempio: non è contrario alla pena di morte ...

Tutto il positivo che ha, oltre ad una buona retorica (Yes we can!) attorno alla quale ci possiamo tutti unire, resta forse il colore della pelle?

Non è un razzismo anche questo? La diversità è dentro ognuno di noi. Non credo che la pelle possa diventare un simbolo di libertà, come lo era un tempo di oppressione ...

Certo vedremo e ci sarà da riflettere ...

http://www.giosby.it/2008/11/05/obama-e-il-cambiamento/

Ciao!

Post popolari in questo blog

Tabucchi e gli eteronimi

Luce dorata

Gli occhi di Frida